PRESSKIT INVERNO 2019/20

NOVITÀ

Scoprite le novità del inverno 2019/20, e soprattutto il nostro nuovo Festival, Etoile Bella Lui !

BellaLui_829x553

HIGHLIGHTS

Quali sorprese riservano Crans-Montana?

3

EVENTI

Gli eventi di quest'inverno a Crans-Montana

Audi FIS_435x290

FAMIGLIE

Una destinazione che vizia le famiglie

Snowisland_435_290

SPORT

Energia da viere

4

NATURA

Libertà allo stato puro

5

CULTURA

Terra da scoprire

6

CARPE DIEM

Un momento tutto per voi

7

STORIA

8

MATERIALE VISUALE

Visuale

2

PRESSKIT INVERNO 2019/20

CRANS-MONTANA, DAL 1893 INNOVATIVA PER TRADIZIONE

Nel 1893 apre le porte il primo albergo di Montana, l’Hôtel du Parc, nato dal colpo di fulmine di due amici cacciatori della zona, Louis Antille e Michel Zufferey, per questo maestoso altopiano abbarbicato sul versante meridionale delle Alpi. Un medico un po’ folle, il ginevrino Stephani, sedotto anch’egli dalla qualità dell’aria e dal paesaggio, raggiunge Louis Antille con i suoi pazienti e nel 1896 apre la prima strada carrozzabile della zona. Da cosa nasce cosa e nel 1906 l’inglese Sir Henry Lunn inaugura la stagione del golf. Due anni più tardi, apre a Crans-Montana il percorso a 18 buche «più alto del mondo».

Nel 1911 segue l’inaugurazione della funicolare «più lunga della Svizzera» che, con i suoi 4,2 km, collega Sierre e la stazione turistica in un’ora a fronte delle quattro ore necessarie a dorso di mulo. Nello stesso anno Arnold, figlio di Henry e degno discendente della famiglia Lunn, fa della località turistica di Crans-Montana «la stazione dei pionieri dello sci alpino», organizzandovi quella che la stampa sportiva chiamerà «la prima vera prova di discesa nella storia dello sci», l’Earl Robert of Kandahar Challenge Cup.

Il percorso di golf Severiano Ballesteros ospita nel 1939 il primo Open svizzero di golf, destinato a diventare nel 1983 lo European Masters, un torneo che vedrà incontrarsi i golfisti più famosi al mondo: Jack Nicklaus, Dallemagne, Angelini, Van Donck, Ballesteros, Player, Miller, Faldo, Ernie Els, ecc. Gli anni passano e la stazione turistica prende letteralmente il volo ospitando nel 1987 i Campionati del mondo di sci alpino, seguiti e immortalati da quasi 1.500 giornalisti, fotografi e cameramen provenienti da 35 Paesi.